I dazi di Trump colpiranno anche la distribuzione

Pubblicato il 10 aprile 2018

Saranno colpiti anche i distributori di componenti elettronici dalla guerra dei dazi tra Trump e la Cina? Secondo quanto riferito dagli esperti dell’International Distribution of Electronics Association (IDEA) l’attuale elenco dei dazi proposti contiene oltre 1.400 prodotti che includono condensatori al tantalio, alluminio, ceramica, carta o plastica, molte resistori a film, compositi, a strato di carbone, fusibili, relè, LED, transistor, tiristori al litio, batterie primarie di tipo aria zinco o a ossido d’argento.

Le tariffe aumenterebbero i costi diretti per i clienti negli Stati Uniti, ma farebbero anche incrementare i costi ai produttori e  distributori autorizzati che importano merci dalla Cina negli Stati Uniti per poi spedirle ai clienti internazionali, secondo quanto afferma Adam Fletcher, presidente di IDEA.

Per evitare i dazi, i produttori e i distributori autorizzati potrebbero operare per drop ship (ovvero senza tenere la merce in magazzino), oppure pagare i dazi per poi farli ricadere sui clienti finali, oltre a garantire le merci non vengano rispedite negli Stati Uniti dalla Cina attraverso un paese terzo.

“È un onere amministrativo aggiuntivo per l’intera rete di fornitura di componenti elettronici in cui i tempi di consegna dei componenti passivi sono già notevolmente estesi”, ha affermato Fletcher.

I membri di IDEA stanno formulando una carta per l’ US Trade Representative, richiedendo che i componenti elettronici vengano esclusi dalla lista durante il processo di consultazione che avrà inizio l’11 maggio 2018.

 

 foto di Mark Wilson/Getty Images



Contenuti correlati

  • La Cina potrebbe diventare il più grande produttore di semiconduttori?

    Ci sono buone probabilità che nei prossimi anni la Cina possa diventare il più grande produttore di semiconduttori, in grado di reggere la competizione con i più grandi player a livello globale. Lo dicono gli analisti di...

  • Apple: iniziative ‘green’ in Cina

    In Cina, Apple prevede di produrre 2,2 GW da fonti rinnovabili e da energia solare per ridurre l’inquinamento dell’aria proposto dalle fabbriche che negli ultimi otto anni hanno realizzato milioni di iPhone e iPad. Il gigante tecnologico...

  • Rallentano gli smartphone

    Le consegne di smartphone sarebbero dovuto crescere quest’anno dell’11,3% ma le più recenti stime degli analisti ridimensionano questo dato al 10,4%. Le unità consegnate nel 2015 dovrebbero infatti essere 1,44 miliardi, valore che, secondo le stime potrebbe...

  • Semiconduttori: cresce la richiesta nel mercato cinese

    In Cina i ricavi dei semiconduttori per l’ambito automobilistico saranno di 6.2 miliardi nel 2015. Nonostante le vendite di veicoli in Cina stiano rallentando, nei prossimi anni saranno necessari semiconduttori in numero sempre maggiore e sempre più...

  • Cina, una nuova politica per i semiconduttori

    Lo scorso giugno, il Consiglio di Stato cinese ha emesso un documento ufficiale contenente le linee guida per promuovere e incentivare lo sviluppo dell’industria dei circuiti integrati. L’obiettivo è quello di supportare il mercato domestico dei semiconduttori....

  • Il mercato Ethernet e Fieldbus cresce anche in Cina

    Sempre più importante in Cina il mercato Industrial Ethernet e Fieldbus Technologies, cresciuto di 18 milioni di nodi nel 2012; più di 3 milioni di nodi Ethernet, mentre il resto è appannaggio della tecnologia Fieldbus. Anche se...

  • Confindustria Anie: l’export guida la crescita

    Patrocinato da Anie Confindustria si è svolto a Milano il primo Open Day Attività internazionali 2014. Obbiettivo dell’evento, tenutosi presso al sede milanese dell’ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) è stato quello...

  • Joint venture di SMIC per espandere la produzione in Cina

    Semiconductor Manufacturing International (SMIC) costituirà una joint venture a Pechino, in Cina, come parte dell’espansione della produzione nella capitale cinese fino a 45 nm. SMIC e la sua controllata SMIC Pechino stanno entrando in joint venture con...

  • Texas Instruments investe e si amplia in Cina

    Texas Instruments investirà fino a 1,69 miliardi di dollari per ampliare la wafer fab a Chengdu, in Cina con l’allargamento all’assemblaggio e ai test di funzionamento. L’investimento potrebbe essere spalmato su 15 anni e potrebbe prevedere anche...

  • How European manufacturers can face up to the competition from China

    Over the past two decades, China has become an economic giant to be reckoned with. According to Karsten Bier, Ceo of the RECOM Group, manufacturers who assume that, for the foreseeable future, China will continue making only...

Scopri le novità scelte per te x