Avnet Memec-Silica, StarChip, Trusted Objects: piattaforma di sicurezza per Industry 4.0 e IoT

Pubblicato il 20 aprile 2016

Avnet Memec – Silica, una società Avnet, Inc., StarChip (fornitore fabless di microcontrollori di sicurezza) e Trusted Objects (fornitore di servizi di protezione firmware e di sicurezza), hanno annunciato una partnership per la realizzazione di una piattaforma ottimizzata comprendente una famiglia di elementi certificati dotati di protocolli di protezione personalizzati per singoli sensori così come per server aziendali.

Le società hanno annunciato anche una serie di servizi di personalizzazione orientati ai clienti attivi nei mercati Industry 4.0 e IoT.

La soluzione iniziale si basa su un microcontrollore di sicurezza a 32 bit a basso costo e basso consumo fornito da StarChip. Il microcontrollore è dotato di doppia certificazione EMVCo (Europay Mastercard Visa) e Common Criteria Evaluation Assurance Level. L’unità è alloggiata in package 3×3 DFN6 e in altri package standard destinati a semplificare l’integrazione del chip in qualsiasi sensore, dispositivo o gateway.

Il microcontrollore StarChip viene programmato direttamente presso il centro di sicurezza Avnet Memec-Silica utilizzando il firmware fornito da Trusted Objects, inserendo una serie di funzioni e comandi su misura per le esigenze dell’applicazione finale e dell’architettura di protezione globale del cliente.

Il microcontrollore di sicurezza così programmato diventa un elemento di protezione dotato delle capacità necessarie per eseguire le primitive di crittografia e le funzioni complesse per gestire – tra l’altro – operazioni di codifica e decodifica AES ed ECC, firme, rinnovo di chiavi di sicurezza (Diffie-Hellman), generazione di chiavi on-board, generazione di numeri casuali, gestione dei certificati e molto altro ancora. Il tutto, senza mai esporre le chiavi segrete al mondo esterno.

Infine, grazie al supporto Trusted Objects, questo elemento può essere personalizzato presso il centro di sicurezza Avnet Memec-Silica dotandolo di chiavi pubbliche, chiavi private, certificati e identificatori unici generati in loco da un HSM (Hardware Security Module) dedicato, secondo lo schema di protezione richiesto dalle applicazioni e dall’architettura della sicurezza globale di ciascun cliente. Gli elementi di sicurezza e, se necessario, le corrispondenti whitelist, vengono messi a disposizione del cliente o dei suoi partner di produzione.

I codici esemplificativi d’implementazione dei vari protocolli di protezione, sia a livello integrato sia a livello server, saranno forniti e dimostrati attraverso la piattaforma IoT Visible Things di Avnet Memec-Silica e resi disponibili per i clienti.

pb



Contenuti correlati

  • NI presenta SystemLink, il software per la gestione dei sistemi distribuiti

    SystemLink, rilasciato in questi giorni da  National Instruments, è un’applicazione software per una gestione efficace dei sistemi distribuiti. È possibile utilizzare SystemLink per ottimizzare l’efficienza operativa e le prestazioni dei sistemi e ridurre allo stesso tempo i...

  • Internet of Things (IoT) entra nel mirino di LTE

    Nonostante siano in molti a pensare che la connettività in modalità LTE sia appannaggio esclusivo degli smartphone, questa tecnologia in realtà è molto più versatile. Oltra al trasferimento dati ad alta velocità da/verso gli smartphone, LTE ha...

  • Framework per applicazioni IOT embedded

    Completezza e indipendenza dal cloud vendor: queste le peculiarità del nuovo Mentor Embedded IoT Framework (MEIF), un prodotto progettato per assistere i team di sviluppo nella creazione, gestione e protezione di dispositivi smart “cloud-ready” per applicazioni in...

  • IAR Systems acquisisce Secure Thingz

    IAR Systems ha stipulato un accordo per acquisire il 100% delle azioni di Secure Thingz, un fornitore di soluzioni di sicurezza avanzate per sistemi embedded, Internet of Things (IoT). Con l’acquisizione, IAR Systems si assicura il ruolo...

  • Chip custom: una valida alternativa per i sistemi industriali

    Come valutare in modo semplice la convenienza di utilizzare un chip custom per applicazioni IIoT (Industrial Internet of Things) e Industry 4.0 Leggi l’articolo su Embedded di febbraio

  • LA COPERTINA DI EMBEDDED – Edge computing: l’intelligenza di IoT si delocalizza

    Con l’avvento di Internet of Things (IoT) si è assistito a un contemporaneo aumento dell’interesse verso quello che comunemente viene definito “edge computing” (elaborazione ai bordi della rete). Questo modello, che Cisco definisce “fog’ computing”, prevede la...

  • COVER STORY – AC/DC a bassa potenza per applicazioni IoT

    I requisiti necessari per un AC/DC destinato ad applicazioni IoT alimentato dalla rete sono molteplici: bassa potenza, dimensioni compatte, capacità di gestire ampie variazioni della corrente di carico, consumo elettrico molto basso in assenza di carico, certificazione...

  • I nuovi componenti Wi-Fi di Silicon Labs per l’IoT

    Silicon Labs ha annunciato l’introduzione di una nuova gamma di prodotti Wi-Fi in grado di semplificare la progettazione di prodotti a basso consumo alimentati a batteria che utilizzano la tecnologia Wi-Fi come per esempio telecamere di sicurezza...

  • Trasmissioni di potenza wireless per IoT

    Una soluzione di carica wireless aggiunge valore, affidabilità e robustezza in tutte le applicazioni in cui risulti difficile o impossibile ricorrere ai connettori Leggi l’articolo su Elettronica Oggi di gennaio/febbraio

  • La nuova generazione delle interfacce chip-to-chip I3C

    Rispetto alle I2C, le nuove I3C soddisfano meglio le esigenze di collegamento necessarie alla moltitudine dei sensori protagonisti delle reti IoT perché possono metterne d’accordo le diverse caratteristiche Leggi l’articolo su Elettronica Oggi di gennaio/febbraio

Scopri le novità scelte per te x