Renesas: microcontrollori a 32-bit

Pubblicato il 21 ottobre 2016

Renesas Electronics ha reso disponibili due nuovi gruppi di microcontrollori (MCU) a 32-bit, RX65N e RX651, ora modelli di punta nell’ambito della famiglia RX. I dispositivi dei gruppi RX65N/RX651, trovano ampio utilizzo nei più svariati campi applicative quali, macchinari industriali con connessione di rete, automazione industriale e così via. Tramite il loro utilizzo, è possibile aumentare, in modo sicuro, le prestazioni di base di un sistema, aggiungendo, contemporaneamente, la possibilità di aggiornare la memoria integrata del dispositivo tramite una rete senza fili, cablata e così via Tutto questo rende più facile sviluppare dispositivi con la caratteristica di poterne aggiornare in tempi brevi le impostazioni o i programmi di controllo, oppure renderle estremamente flessibili in modo da poterne modificare le caratteristiche nell’ambiente di utilizzo finale o a seconda delle richieste dello specifico utente.

La rapida espansione dell’Industrial Internet of Things (IIoT) e dell’Industry 4.0, ha incrementato il bisogno di infrastrutture di rete sicure, negli ambienti produttivi. La connettività di rete rende possibile il controllo dello stato dei macchinari sia dall’interno della fabbrica, che dall’esterno, di scambiare dati ed effettuare cambiamenti nelle loro istruzioni operative e di poterne aggiornare le impostazioni direttamente riprogrammando la memoria integrata nei dispositivi. Inoltre, il produttore del sistema, necessita anche della possibilità di riprogrammare il firmware di base del macchinario, in modalità sicura e in modo tempestivo.

I nuovi gruppi di microcontrollori, RX65N e RX651, permettono di ridurre il carico di lavoro, rendendo, contemporaneamente, più facile lo sviluppo di sistemi IIoT e Industry 4.0.

Caratteristiche principali dei nuovi microcontrollori dei gruppi RX65N e RX651:

1) Processo a 40nm per ottenere una efficienza nei consumi, cinque volte superiore a quella dei dispositivi concorrenti di pari classe e tempi operativi di funzionamento a batteria più estesi

Oggi la richiesta di chi sviluppa sistemi embedded, è quella di poter disporre di microcontrollori con una migliore efficienza energetica, dalle prestazioni elevate e dalle caratteristiche di connettività sempre più avanzate, in modo da poter eseguire codice, processare i dati in arrivo dai sensori esterni e controllare le funzioni essenziali di connettività di sistemi operanti a batteria in ambienti produttivi. I nuovi dispositivi RX65N e RX651 sono stati realizzati adottando il core RXv2 con processo a 40 nanometri (nm), raggiungendo il punteggio di 516 Coremark.

Con una corrente operativa di 15 milliampere (mA), si raggiungono prestazioni di 34.4 Coremark/mA – fino a cinque volte superiori a quelle di un microcontrollore a 32-bit paragonabile che lavora a 120Mhz (Nota 1). La memoria integrata di 1 megabyte (MB) insieme ai 256 kilobytes (KB) di RAM, permette lo sviluppo di un software in grado di essere eseguito esclusivamente nella memoria interna. La memoria interna è quindi in grado di accomodare sia il middleware di comunicazione per reti senza fili WLAN sia le aree dati per l’applicazione, rendendo possibile eliminare il bisogno di memoria esterna, il che riduce i consumi contribuendo ad una ulteriore estensione dell’operatività sotto batterie.

2) Prestazioni aggiuntive e nuove caratteristiche mantenendo la compatibilità con i microcontrollori delle generazioni precedenti

Il core RXv2 è 1.3 volte più prestante se comparato con un dispositivo a 32-bit nell’intervallo di funzionamento di 120 MHz (Nota 1). Questo alto livello di prestazioni, permette ai nuovi RX65N e RX651, di gestire tutte le funzioni aggiuntive e quelle di comunicazione, che fanno uso della connettività di rete, oltre alle convenzionali funzioni di misura e di controllo sequenziale.

I nuovi gruppi RX65N e RX65, mantengono le precedenti funzionalità di comunicazione, quali Ethernet, USB, CAN, UART, SPI e I2C, già presenti nei precedenti gruppi RX63N e RX631, dispositivi già ampiamente utilizzati in numerose applicazioni nel campo dei macchinari industriali. Inoltre, i nuovi microcontrollori dispongono sia di un modulo WLAN e di una interfaccia SD host con connessione dati a 4-bit, che di una interfaccia Quad SPI con il supporto per la connessione a memorie flash esterne. I 256 KB di RAM integrata, sono sufficienti per la gestione dei buffer di comunicazione.

I due moduli hardware AES (Nota 2) e TRNG (Nota 3), possono essere utilizzati per cifrare e decifrare i dati in comunicazione, assicurando un trasferimento dati sicuro attraverso la rete. La funzionalità di protezione di un’area di memoria, fa sì di potersi proteggere da accidentali sovrascritture involontarie, quando è in corso l’aggiornamento del firmware dell’applicazione, prevenendo, appunto, che la flash venga riprogrammata erroneamente.

Le funzioni, precedentemente descritte, utilizzate insieme, permettono una comunicazione sicura attraverso la rete e rendono la riprogrammazione sicura fornendo una valida protezione contro le sovrascritture accidentali. Tutte queste funzionalità, danno la possibilità di scrivere applicazioni in grado di ricevere informazioni sulla funzionalità del prodotto tramite, ad esempio una connessione cloud, di cambiare le impostazioni in modo tempestivo o di aggiornare le funzionalità della macchina in risposta ai cambiamenti richiesti dall’utente finale.

3) Riduce il tempo di sviluppo approssimativamente del 20 percento contribuendo all’immissione del prodotto sul mercato in tempi rapidi

Oltre a fornire microcontrollori che mantengono un alto grado di compatibilità con i membri precedenti della famiglia RX, con i compilatori, i debugger, i tool di generazione del codice ed i programmatori per la Flash, Renesas fornisce un ambiente di sviluppo integrato (IDE). Sono, inoltre disponibili, numerosi software di esempio e driver, incluso il sistema Firmware Integration Technology (FIT). FIT è un concetto completamente nuovo che enfatizza la semplificazione dei moduli driver delle periferiche, aumentando la portabilità tra i dispositivi della famiglia RX, mettendo a disposizione API comuni, per assicurare una facile migrazione verso a da prodotti esistenti che supportano FIT.

I driver di periferica e i vari middleware possono essere combinati ed utilizzati durante il processo di sviluppo con il codice sorgente delle periferiche supportato dal tool di generazione del codice. Tutta la documentazione relativa a come incorporare i moduli FIT, i manuali, le note tecniche, e così via, possono essere tenute aggiornate e consultate, utilizzando i tool legati ad un ambiente IDE, quale e2Studio, per avere ancora più flessibilità durante lo sviluppo. Tutto questo significa la possibilità di sviluppare software in meno tempo, riducendo il carico di lavoro approssimativamente del 20 percento, rendendo possibile un più veloce tempo di immissione sul mercato.

pb



Contenuti correlati

  • Texas Instruments: ultrasuoni per contatori d’acqua “intelligenti”

    Conferire un maggior grado di “intelligenza” ai contatori d’acqua elettronici e meccanici: questo l’obbiettivo che Texas Instruments si è posta con la recente introduzione della famiglia di Mcu MSP430 con fron-end analogico (AFE) integrato per il rilevamento...

  • I nuovi requisiti dei microcontrollori per applicazioni IoT

    Consumi ridotti, alte prestazioni ed elevato grado di sicurezza; per soddisfare le esigenze delle applicazioni IoT è necessario utilizzare microcontrollori di nuova concezione come i dispositivi della serie PSoC 6 Leggi l’articolo su Elettronica Oggi di settembre

  • Le nuove famiglie di microcontroller SAM di Microchip

    Microchip ha presentato due famiglie di microcontroller (MCU) a 32 bit caratterizzate dalla disponibilità di una gamma completa di interfacce per connettività, elevate performance e un sistema di sicurezza hardware-based. Le due famiglie sono siglate rispettivamente SAM...

  • I nuovi microcontroller low power di Silicon Labs

    Silicon Labs ha ampliato la sua gamma di MCU low power EFM32 Gecko con una nuova serie di prodotti per applicazioni industriali come per esempio smart meter, asset tracking, building automation, ma anche per wearable e personal...

  • Denso sceglie Cypress per il quadro strumenti della Toyota Camry 2017

    Cypress Semiconductor annuncia che Denso Corporation ha scelto la famiglia di microcontrollori per l’automotive Traveo  di Cypress e la famiglia di memorie Serial NOR di FL-S per abilitare la grafica avanzata nel quadro strumentazione della  Toyota Camry ...

  • MERCATI – Cloud, AI e IoT nel futuro di MPU e MCU

    I microprocessori evolvono alla luce delle esigenze di Cloud Computing e Big Data, mentre il mercato dei microcontrollori si espande trainato dall’IoT Leggi l’articolo su EONews di luglio/agosto

  • Cypress espande il suo portafoglio di MCU automotive

    Cypress ha annunciato la disponibilità dei campioni dei nuovi microcontroller della famiglia Traveo per applicazioni automotive. I nuovi MCU supportano lo standard CAN FD per il networking in-vehicle, che consente lo scambio di elevate quantità di dati...

  • Processori ARM Cortex-M0 per missioni spaziali

    Per la prima volta una MCU resistente alle radiazioni basata su core ARM e progettata esplicitamente per operare in condizioni estreme è stata utilizzata per svolgere un ruolo chiave nell’ambito del progetto Rheme Leggi l’articolo su Elettronica...

  • MERCATI – Un nuovo leader per le MCU?

    Dopo l’acquisizione di NXP, Qualcomm sembra destinata al vertice della classifica Leggi l’articolo su EONews di giugno

  • Renesas: controller per una alimentazione USB più sicura

    Renesas Electronics ha annunciato il suo nuovo controller USB Power Delivery (USB PD) R9J02G012 destinato ad essere utilizzato in una vasta gamma di prodotti USB PD che utilizzano una alimentazione a corrente continua , come per esempio...

Scopri le novità scelte per te x